Le nostre cene: com’è andata

La settimana scorsa ci sono state le due cene che noi di SoSBlogger abbiamo contribuito a organizzare con Carlo Vischi, The Hub Hotel e il Cascinalenuovo di isola d’Asti.

Vi proponiamo qui qualche breve resoconto attraverso Storify e attraverso i nostri commenti.

Anzitutto, leggiamo e guardiamo cosa dicono Ci_polla (Paola Sucato) e Anna Maria Simonini sulla serata milanese. Io (Emanuele Bonati) posso dire che è stata veramente piacevole, a partire dalla presentazione (mia, naturalmente), improvvisata, alla parte “cucinata”, al contorno (nel senso di prodotti: Cleto Chiarli, per i vini, e Longino e Cardenal), al personale di The Hub, allo chef Sandro Mesiti, al Direttore (che ho dimenticato di ringraziare allora: lo faccio ora, scusa direttore…). Una serata piacevole, che ci ha visti uniti in un abbraccio agli “amici” del Rigoletto, una serata intensa, una serata che speriamo li abbia aiutati a guardare verso il futuro sapendo di poter contare sulla nostra solidarietà e sul nostro affetto.

Lasciamo invece la parola a Valeria Saracco (Due cuori e una forchetta), che ci offre un resoconto della serata “Uniti per unire” al Cascinalenuovo, e così ce la illustra:

“Il CascinaleNuovo di Isola d’Asti, in collaborazione con i ristoranti della zona astigiana, ha messo in piedi una iniziativa per raccogliere fondi. Più di 90 i partecipanti; chef stellati di fama – Crippa, Palluda, Chiotti, Ferretti e la Signora Bagliardi – hanno deliziato la serata con piatti speciali. Quasi 9000 euro raccolti per i ristoranti Rigoletto di Reggiolo e L’Ambasciata di Quistello di Mantova, che erano con noi. Ho idea che quando una cena sia a fin di bene non vada ad intaccare nemmeno un po’il colesterolo e l’adipe. Cambiano le energie, le sinergie e le magie. Questo è il primo terremoto vissuto intensamente su Twitter, e ha avuto un seguito multimediale anche nelle iniziative di aiuto sostegno e raccolta: ce ne sono tantissime e tutte incredibili. Il popolo italiano ha tanti difetti ma sa essere solidale. Walter Ferretti e i grandi chef e la gente che ha partecipato e contribuito hanno fatto la differenza. Una serata romantica fatta di candele, cibo stellato, tweet, fotografie, legami, relazioni, riconoscimenti, nel senso che le persone si guardavano negli occhi e riconoscevano il desiderio comune di poter aiutare.”

(La foto è di zuccheroaffilato)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...